F.I.C. - Comitato regionale Piemonte
  visualizzato martedì 18 maggio 2021 alle 07:01:56 Home   Notizie   Eventi   Attività regionale   Calendario     
Da TuttoSport del 11/09/2007 
 
Viverone è promosso con la lode Assoluti al Gran Fondo nel mirino 
 

Viverone ha superato il battesimo di fuoco. Mesi di preparativi sono culminati nella regata di domenica e la risposta, tecnica e ambientale, è stata molto positiva: un pubblico folto ha assistito alla regata dalla passeggiata in riva al lago. Soddisfatto il presidente del comitato piemontese Stefano Comellini: "Come esordio è andato molto bene. I ragazzi in acqua hanno avuto tanti spettatori che li guardavano dalla riva; persone che non si trovavano lì per il canottaggio, ma che hanno seguito le gare con partecipazione. Noi vogliamo dare visibilità al nostro sport e domenica ci siamo riusciti. Tecnicamente il campo è stato apprezzato dagli atleti, in più abbiamo trovato un buon accordo con gli altri sport del lago e l'amministrazione comunale ci supporta. Ci stiamo facendo conoscere". Il primo successo politico è l'investitura del lago per i campionati italiani di Gran Fondo, il 9 marzo prossimo. Poi sarà inserita nel calendario 2008 un'altra gara sui 2000 metri come quella appena conclusa. Uno sviluppo che potrebbe culminare nell'utilizzo di Viverone per le gare dei "Summer Youth Games" del 2010, le Olimpiadi under 18 per le quali Torino è in corsa. Il progetto è in mano al Politecnico: "Il dipartimento della professoressa Giuseppa Novello - continua Comellini - sta redigendo il progetto del campo di regata, che riguarda logistica ed ecosistema. Fra non molto manderemo al CONI la prima brochure con il progetto completo". Anche l'omologazione per la gare nazionali potrebbe essere questione di poco tempo: "Le dimensioni a Viverone ci sono e, una volta messe giù tutte e otto le corsie, il campo è potenzialmente in grado di essere omologato in tempi brevi. Ieri (domenica, ndr) volevamo verificare che il discorso potesse andare avanti e il responso è stato positivo".

Clicca qui per leggere l'articolo in formato Acrobat Reader. 

 
Emanuele Fadini