F.I.C. - Comitato regionale Piemonte
  visualizzato martedì 16 ottobre 2018 alle 06:23:13 Home   Notizie   Eventi   Attività regionale   Calendario     
Comunicato Regione Piemonte del 07/06/2004 
 
Inaugurato il Centro Anti-doping di Torino 2006 
 

Patrick Schamasch del CIO: «Opera fondamentale per i Giochi e importante eredità Post-Olimpica»

Alla presenza del direttore della Commissione Medica del CIO Patrick Schamasch, a Torino in occasione della Commissione di Coordinamento del CIO di domani e dopodomani, è stato inaugurato questa mattina presso l’Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano il Centro Regionale Antidoping “Alessandro Bertinaria”.

La struttura sarà utilizzata, grazie all’accordo con l’Assessorato alla Sanità e con lo stesso San Luigi, come centro anti-doping dei Giochi Olimpici di Torino 2006, che pertanto sarà temporaneamente accreditato dal Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e dall’Agenzia Mondiale Antidoping (WADA). Il TOROC provvederà poi all’implementazione delle attrezzature e del personale necessari per lo svolgimento dei Giochi.

«Il centro – ha detto il presidente del TOROC Valentino Castellani - rientra negli accordi con il CIO, il quale richiede che il laboratorio anti-doping si trovi nella città che ospita i Giochi. Questo laboratorio rappresenta, non solo per il TOROC, un’ulteriore passo nella battaglia al doping al fine di conservare un futuro fatto di quei valori sportivi di fair-play, pace e solidarietà, che da sempre sono alla base il movimento olimpico».

«Da quaranta anni il CIO si batte per la lotta al doping – ha aggiunto Patrick Schamasch – e per raggiungere questo obiettivo ha chiesto l’aiuto di tutti i Paesi. Siamo felici che il TOROC collabori con il centro dell’Acquacetosa di Roma e siamo certi che dopo i Giochi la comunità sanitaria saprà approfittare di questa struttura per il benessere e la salute di tutti gli sportivi, anche quelli che praticano sport a livello amatoriale. Perché questa struttura non sarà solo il centro antidoping delle Olimpiadi ma anche un’importante eredità post-olimpica, visto che diventerà l’Osservatorio per le sostanze dopanti». «A nome del CIO e del presidente Jacques Rogge – ha concluso Schamasch - rivolgo i miei complimenti alla Regione e al TOROC per aver realizzato il laboratorio con un anno e mezzo di anticipo rispetto ai Giochi e auguro al centro una vita lunga e ricca di successi».

A inaugurare il centro sono stati il presidente della Regione Enzo Ghigo, il viceministro alle Infrastrutture Ugo Martinat e il direttore del San Luigi Sergio Morgagni. Erano presenti anche gli assessori regionali Ettore Racchelli e Valter Galante, il Rettore dell'Università di Torino Rinaldo Bertolino, il direttore dell’Istituto di Medicina dello Sport Gabriele Gribaudo il direttore della Commissione nazionale per la Vigilanza e il Controllo sul doping e responsabile Doping del TOROC Fabio Pigozzi, il direttore dei Servizi Medici del TOROC Giuseppe Massazza e i testimonial di Torino 2006 Stefania Belmondo e Fabio Carta.