F.I.C. - Comitato regionale Piemonte
  visualizzato martedì 20 aprile 2021 alle 20:51:41 Home   Notizie   Eventi   Attività regionale   Calendario     
Comunicato F.I.C. Piemonte del 26/10/2011 
 
"Waiting for London 2012", un meraviglioso esempio di sport 
 

Anche quest’anno, come ormai da tradizione, la Società Canottieri Armida ha ospitato l’edizione 2011 della Regata adaptive “Waiting for London 2012”.

L’appuntamento, giunto quest’anno alla 6° edizione ed inizialmente dedicato ai precedenti Giochi Olimpici di Beijing, ha vissuto una costante crescita nel tempo, arrivando a superare anche quest’anno il centinaio di iscritti, nonostante la concomitanza con il raduno della squadra nazionale adaptive a Gavirate (VA).

Senza tralasciare una fase dimostrativa dedicata in apertura al pubblico presente interessato ad avvicinarsi alla pratica sportiva, la manifestazione ha visto gli atleti iscritti cimentarsi in prove remoergometriche ed in barca sulla distanza di 1000 metri.

Da segnalare la presenza nelle gare promozionali di Riland Glassner, atleta adaptive viennese di grande caratura proveniente dal Vienereiner Club, e di Giuseppe Condello (difensore della Nazionale Italiana di Sledge Hokey).

Nel singolo AS (braccia e spalle) ottima prestazione di Giovanni Tentori della Canottieri Lario, mentre la finale delle Jole LTA ID Maschili è stata appannaggio dell'equipaggio Esperia misto CUS Torino composto da Matteo Bianchi, Umberto Giacone, Flavio Ferrero e Francesco Faiella, timonato da Andrea Ronco.

La finale del 4+ LTA ha riservato al pubblico un’altra bella battaglia, con la vittoria dell'equipaggio della Canottieri Saturnia di Trieste, misto Padova e Armida, composto da Sara Kobal, Patrizia Palozzi, Alessandro ferrato e Alejandro Venerando, timonato da Jacopo Bregolin.

Nella jole LTA ID mix si è imposto infine il giovane equipaggio dell'Armida composto da Alessandro Rossi, Marta Casetta, Matteo Bongiovanni e Lorenzo Sforza, timonato da Serena Pantanetti.

Guardando oltre la componente prettamente agonistica, ciò che sicuramente tutti coloro abbiano preso parte all’evento non avranno potuto mancare di notare è lo spirito di gioia e partecipazione che ha pervaso la manifestazione e caratterizza il canottaggio adaptive più in generale.

Le fotografie scattate durante le gare esprimono chiaramente l’energia, la positività e la spontaneità che hanno respirato tutti i presenti domenica, ed offrono un meraviglioso esempio per il canottaggio e lo sport in generale.

Appuntamento all’edizione 2012.

ALESSANDRO POLATO